sabato 19 gennaio 2013

"Quatar pass": una poesia di Tullio Losi


--------------------------------------
Quattro passi

E' sera
per la strada
non gira un'anima viva,
solo io
per fare quattro passi.

Come capita
in questa stagione
c'è anche
un po' di nebbia
che bagna le ossa.

Qualche foglia 
si stacca
da un albero
e cade per terra,
sulla riva del fosso.

Non sento niente
nell'aria
sono tutti via;
non si sa
dove vada questa gente.

Mi viene un qualcosa addosso
che mi si stringe il cuore:
penso agli anni che ho,
a quello che ho passato,
a questo, a quell'altro.

Non sempre
la vita è facile,
qualche volta
vivere
è anche una fatica.

Mah!? Guarda 
in quella casa là
in fondo alla strada:
c'è una finestra aperta
con la luce accesa.

Senti? Là dentro
ci sono dei ragazzi,
stanno ridendo, stanno scherzando,
sono proprio allegri,
e quasi vien voglia anche a me.

Ancora due passi
e poi torniamo a casa.
Si è alzato
un po' di vento adesso,
il tempo sta cambiando.

Dagli alberi
altre foglie secche
cadono in terra;
cammino, le pesto
e vado avanti.

Cosa dici?
Ma sì, va là,
val la pena
di viverla, fin che ci siamo
questa vita qua.

lunedì 14 gennaio 2013

Anno 1960: gita dei dipendenti Ferrari al Pordoi

Dipendenti della ditta Ferrari di Luzzara in gita al passo Pordoi

Foto inviata da Lorenzo Davoli

venerdì 11 gennaio 2013