mercoledì 25 aprile 2012

Dear Valentino: estratto di una lettera di Paul Strand a Valentino Lusetti (aprile 1954)


Paris, Apr 8 - '54

Dear Valentino,

thanks for your card from Rome and for your good letter. (...)

You ask what you can do for me. You have already done much in helping our book to be "born". Everything now depends upon Zavattini and when he will finish his work on the text. I have not heard lately from him.


If he comes to Luzzara at Easter, perhaps you can give him a gentle push now and then to finish. He his a fine man but very difficult to work with for all the reasons you know. But now is becoming serious for us. I have work to do in Scotland this summer, which may become impossible if the italian book is not finished soon. In other words, my time and future work is being compromised by the delays. Of course I will write to Z myself about this. (...)

--------------------------

Parigi, 8 aprile 1954

Caro Valentino,

grazie per la cartolina da Roma e per la tua bella lettera. (...)

Mi chiedi cosa puoi fare per me. Hai già fatto molto nell'aiutare il nostro libro a nascere. Tutto ora dipende da Zavattini e da quando finirà il lavoro sul testo. Ultimamente non l'ho sentito.

Se dovesse venire a Luzzara per Pasqua, forse potresti, in modo gentile, sollecitarlo a finire. E' un brav'uomo ma è molto difficile lavorare con lui per tutte le ragioni che conosci. Ma ora la cosa sta diventando seria. Ho un lavoro da fare in Scozia quest'estate che potrebbe diventare irrealizzabile se il libro italiano non dovesse essere presto ultimato. In altre parole, il mio tempo e i miei impegni futuri stanno per essere compromessi dai ritardi. Naturalmente scriverò a Z in merito a questo. (...)

Un grazie a Emer Sighinolfi per avere condiviso la copia della lettera (copia avuta in dono da Valentino Lusetti).