sabato 1 gennaio 2011

Alcune poesie di Oder Scaini, il poeta del Po

I magaton

I è toch ad legn fusilisà
i scàta lonc a li spiarsi,
quand al Po al sa sbàsa.
L'era la brusaia di puvrèt:
i à drisava in pe par sugari
is tinseva li man
da tant chi era negar
chi pareva töti Pret
ca tulès in gir töti coi ca pasava.
Quand i à brusava
i fava un fom
cal spusava cme i debit,
e catif me al cor d'n'avucat;
ma tanta mana par i puvret,
ca ghe ne fus.

Sono tronchi di legno fossilizzati che si trovano lungo i sabbioni quando il Po si abbassa. Erano il carbone dei poveri: li mettevano in piedi per asciugarli e si tingevano le mani da tanto che erano neri che sembravano tutti preti che prendessero in giro tutti quelli che passavano. Quando li bruciavano facevano un fumo che puzzava come i debiti e cattivo come il cuore di un avvocato;ma erano una manna per i poveri, che ce ne fossero.


Po

Po,
sét pö amic te ad me
o me ad te?
A ghé ca dis
càt sé fiol dal Monvis
e a ghè ca dis càt sé fiol
dal Pian dal Re.
M'al saiòm, ne me e te,
ca siom fiol dlà stesa màdar,
la màdar dlì màdar, Natura.
Quanti nòt ta me fat sta cun i oc spalancà
a pansarat me amic;
Quanti sudisfasiòn càt me dàt
e quanti robi càt me insgnià:
a vrèr ben a la natura,
a vardàrla;
pr'esempi l'alba;
ad vedi l'urizunt
cmé àn miracul;
al s'inciàra
e pò da lè a lè al cambia culur
ècu al mument fatal:
a s'invia na bavèla
ca fa cricar li gòri
ècu al sul cal salta fora,
càl par parturì,
e intant ca t'at volti indrè
lè bela su càl sa specia in dl'acqua
e c'un la bava al fa li stèli
ca par c'l'abia rubà
nà feta ad firmament
par fa an regal ai so amic.
Chi è ca dis c'an ghè mia an Diu,
l'è an mat!
Quanti siri, strac mort,
a sùn gnu incuntra al tramunt
longa la via Alsaia
fin da Bustina,
e po sintà a parlà cun tè
e sfugaram.
Pö pian pian
a m'alvava so
e a catava nà maréla,
a la butava in s'l'acqua.
Par mè,
l'era la to facia, e l'to corp,
e a cuntinuava a parlà.
A gh'era di mument che la marèla
l'as firmava in di mùiet,
ca pareva c'là mà spitès,
e c'là mà dzès:
- Al sò càt sè strac! -
Ma, fin chà pasàva i'ultìm gabiàn,
c'lera scur
àn tà dzèva mia ciàu amic,
a vàgh a cà ca gò anca nà famèa!

Po, sei più amico tu di me o io di te? C'è chi dice che sei figlio del Monviso e c'è chi dice che sei figlio del Piano del Re. Ma non lo sappiamo ne io, ne te che siamo figli della stessa madre, la mamma delle mamme, Natura. Quante notti mi hai fatto stare con gli occhi aperti a pensarti mio amico; quante soddisfazioni che mi hai dato e quante cose che mi hai insegnato: a volere bene alla natura, a guardarla; per esempio l'alba; vedi all'orizzonte come un miracolo. diventa chiaro e poi dopo un momento cambia colore ed ecco il momento fatale: comincia a sentirsi un po' di brezza che fa muovere le foglie; ed ecco il sole che salta fuori, sembra partorito, e intanto che ti volti indietro è già alto che si specchia nell'acqua e con il vento luccica e fa le stelline, sembra che abbia rubato una fetta di firmamento per fare un regalo ad un suo amico. Chi dice che non c'è Dio è matto! Quante sere, stanco morto, ti sono venuto incontro al tramonto lungo la "Via Alsaia" fino da "Bustina", e poi mi sedevo a parlare con te, a sfogarmi. Poi piano piano mi alzavo, trovavo un pezzo di legno e lo buttavo sull'acqua. Per me, era la tua faccia, il tuo corpo, e continuavo a parlare. C'erano dei momenti che il pezzo di legno si fermava in una piccola ansa, e sembrava che mi aspettasse dicendomi: - Lo so che sei stanco! - Veniva buio e aspettavo che passasse l'ultimo gabbiano per dirti: - Ciao amico, vado a casa perché ho anche una famiglia! -


Lusera

Al mè bel paes ad gent
antic cmè la fumana,
tradisiunai cmè i fanai,
umbrus cmè la paura
ma siur at cultura.
L'urgoi dal paes
lè la tor, belesa rara da vardar,
ma al so arloi
an l'om mai pudù scultà.
l'è sempar rot
cmè an sugatul.
Te lusarès al saevat
cà ghe anca al campanon?
Si, parchè al suna sul
par li disgrasci, e pò
le sempar la smana at Pasion,
sempar ligà.
Gent ad Po ad tradision
da quand a ghè mond
e di sciur da bòn
ma i na mai fàt gnint ad bon.
A Lusera an suced mai gnint
par fnirla e scurtarla
che as fà ancora
la pulenta cùn la schida
e la stagnada.


A m'arcord

Ai ò pund da ment
na not al me Paes
in mes ai lamp ai tron;
e vulò a la ment un
rigurgit ad la guera. A
m'arcord la lus di
bengala li bombi ca
scupiava, e la pansa
voda cla bruntulava
cmà un magnan mal
pagà; a pansarac a
sura an ve ancora
fam tanta ca no patè.

Ho osservato attentamente / una notte al mio paese / in mezzo a lampi e tuoni; / mi è venuto a mente / un rigurgito di guerra / ricordo la luce dei bengala, / le bombe che scoppiavano, / la pancia vuota che brontolava / come uno stagnino mal pagato... / A pensarci sopra / viene ancora fame, / tanta ne ho patita!