sabato 20 novembre 2010

"Al vigil": una storiella di Guido Sereni

Ricordo che Guido Sereni (detto Milàn) venne alle elementari a parlarci di Zavattini e della poesia in dialetto. Mi ricordo che all'esame di quinta recitai a memoria, oltre alla poesia "Alle fronde dei Salici" di Salvatore Quasimodo, una storiella del poeta barbiere che riporto qui di seguito.

Al Vigil

An vigil al s'avsina cun buna intensiòn an vech ca travèsa la strada:
"vardè ca pasè ca gh'è ros!"
L'umèt al sa scüsa sensa rendas cunt...
"Avdì, bisogna ch'imparègh i s'gnai sa vrì stà ancor in pe!:
Cun al verd a pudì pasà, cun al şald stè chiet lè, e cun al ros bisogna ch'av firmèghi"
"Al m'à scüsa siur vigil, a m'al dèga n'atra volta, an cred mia ch'abia capì"
"Va ben, a vöi cl'av sia ben cèra: cun al verd a pudì travsà, cun al şald sgumbrè a la sveltina, e cun al ros Alt ferum lè; adès pas santìr s'am sun spiegà ben, d'gimal mo vö quant a pasè...!"
"Moh... vardè... me a pas sul al lündè quant a gh'è al marcà...!"

Era una storiella che raccontò durante l'incontro, e che la maestra ci fece scrivere per insegnarci un po' il dialetto (il che non è facile).

Mirko Anselmi